Grasso addominale: maggiori rischi dell’obesità

Uno studio dell'istituto americabo Mayo Clinic ha reso noto come una significativa quantità di grasso addominale, anche nelle persone magre, aumenti il rischio di malattie cardiache e diabete.

Essere magri, ma con la pancia gonfia, potrebbe essere ancora più pericoloso che essere obesi o sovrappeso. Un vero e proprio campanello d’allarme quello lanciato da uno studio realizzato da Mayo Clinic, un istituto statunitense. Una quantità eccessiva di grasso addominale provoca, infatti, un notevole aumento delle possibilità di essere coinvolti da infarto, ictus e diabete. La ricerca, pubblicata su Annals of Internal Medicine, una delle più famose riviste scientifiche, ha studiato un campione di ben 15mila individui caratterizzati da un fisico del tutto normale, ma con il classico gonfiore addominale. “Non è gas, ma grasso“.

Grasso addominale: maggiori rischi dell’obesità Fonte: Livestrong

Il risultato dello studio reso noto da Francisco Lopez-Jimenez ha provato come la pancia, anche nelle persone non sovrappeso, sia dovuta ad un eccessivo accumulo adiposo. “Uno strato di grasso – spiega lo studioso – che può essere eliminato solo attraverso una diminuzione dello stress e soprattutto con un sano movimento.” La soluzione? Per gli esperti non ci sono dubbi; una sana passeggiata a passo svelto per 50 minuti a giorni alterni, abbassa il livello di grasso addominale diminuendo i rischi.

Lascia un commento


*

\ \ \ "; jQuery(document).ready(function($) { $('head').append(si_captcha_styles); }); //]]>